domenica 1 dicembre 2013

Confronti creativi negli spazi dismessi

Progettare l'utilizzo degli spazi dismessi è un tema che coinvolge sempre più ampie aree urbane. L'attuale situazione economico-sociale impone un ripensamento complessivo dei fattori che possono generare una nuova qualità della vita nelle città.

Gli spazi dismessi rappresentano un potenziale dove convogliare molteplici risorse. Le energie di giovani classi imprenditoriali possono espandere i ruoli delle 'industrie creative' nell'ambito delle città. 
Attraverso il recupero innovativo del patrimonio architettonico dismesso si possono attivare canali di collaborazione e co-working fino a modulare nuovi schemi occupazionali.

Ma i buoni propositi non bastano a catalizzare processi di coesione sociale senza strategie di lungo termine. Questo tipo di processi richiede di affrontare con pragmatico senso pratico la gestione di spazi urbani complessi, spesso adottando nuove soluzioni per generare nuovi scenari produttivi in una società in forte trasformazione continua.

Essenziale mettere a fuoco alcune tematiche in particolare:

-  il collegamento della domanda con l'offerta (quali settori imprenditoriali collocare negli spazi dismessi e soprattutto come?)

- la diffusione di strumenti di accesso alle fonti di finanziamento e per la creazione d'impresa (autofinanziamento, azionariato popolare, bandi europei, raccolta fondi, crowd-funding, investimenti pubblico/privato)

- relazioni tra cittadini e con le amministrazioni locali al fine di promuovere buone pratiche (partecipazione, empowerment)

- progettualità e pianificazione (cosa fare, come, dove, quando e perché - al tempo stesso costruire consapevolmente una qualità della vita consona ai cambiamenti globali).

- verifiche operative in corso d'opera al fine di garantire una trasmissione dei casi di successo (le formule vincenti diventano modelli di attuazione da applicare in contesti diversi).

Ma come si avviano processi di tale complessità?

La formula magica non esiste, ma ogni cammino inizia dal muovere alcuni primi passi in una direzione.

-------------------------------------------------------------------------------------------------

In Sant'Orsola sono in corso preparativi per un 'confronto creativo', con orientamento tecnico sugli spazi dismessi.
Sarà allestito un nuovo format per esaminare da vicino l'ex-monastero e capire quali sono le priorità di questo luogo, mettendole in relazione con le problematiche dei tanti altri spazi urbani da recuperare. L'evento, previsto per il mese di dicembre, vuole aprire ad un inedito modo di collegare i cittadini attraverso la documentazione digitale degli incontri pubblici. Niente di super tecnologico. Vogliamo far vedere come l'uso di semplici mezzi, come ad esempio uno smart-phone, può servire a raccontare la creatività di progettisti e abitanti che hanno a cuore la città e desiderano attivare collegamenti operativi da subito.

Rivolgiamo un invito a tutti i nostri lettori a fare riprese audio-video con il proprio cellulare o altri mezzi; in occasione dei prossimi confronti creativi tecnici: sopralluoghi orientati al dialogo propositivo all'interno di Sant'Orsola.

Nessun commento:

Posta un commento