lunedì 26 maggio 2014

Petizione e scheda progetti di attività

Carissimi,

ci siamo!
La rete di associazioni continua la propria mobilitazione affinché il complesso di Sant’Orsola sia riqualificato e restituito ai cittadini, interloquendo con tutti i livelli istituzionali interessati, Comune, Provincia e Regione, e proponendo, con il contributo di esperti e tecnici, quale leva del cambiamento un programma di usi transitori e temporanei di parte del piano terreno dell’edificio.
Le associazioni non possono dunque che valutare positivamente il fatto che la Provincia, attuale titolare dell’immobile, abbia raccolto la loro proposta aprendo, tra il 14 e il 17 maggio, il complesso di Sant’Orsola per informare i cittadini sulle attività istituzionali della stessa Provincia relative ai servizi per il lavoro e la formazione, e sui servizi offerti da CNA e Confartigianato.
Sant’Orsola occupa una parte importante del rione San Lorenzo, ma da troppi anni il complesso monumentale è sottratto alla vita della città, divenendo così un mostruoso catalizzatore di degrado proprio nel centro storico di Firenze, patrimonio dell’umanità sotto tutela dell’Unesco.
Per questo le associazioni continuano a ribadire che in vista dell’attuazione della riforma degli enti locali, quale che sia l’esito del bando di concessione per la valorizzazione indetto dalla Provincia, in scadenza il prossimo 29 maggio, l’Amministrazione comunale debba impegnarsi concretamente e tempestivamente affinché vengano predisposti gli atti formali di costituzione di una “cabina di regia obiettivo Sant’Orsola”, composta dalle diverse amministrazioni, dagli operatori economici e dai residenti interessati alla riqualificazione del rione San Lorenzo.

Sottoscrivete subito il manifesto per promuovere utilizzi transitori e temporanei dell'edificio e per la costituzione di una cabina di regia 'obiettivo Sant'Orsola'.


Inviateci le vostre proposte per usi transitori e temporanei per i mesi di Giugno, Luglio e Settembre 2014, riempiendo la scheda attività allegata.

vedi FOTO degli SPAZI attualmente disponibili

Con l'occasione vi porgo, anche a nome delle diverse realtà associative impegnate in questa iniziativa, un saluto cordiale e riconoscente.

Anna Grande



StO aperta
LA CITTA DENTRO SANTORSOLA

Firenze, maggio 2014

Ci sono luoghi scomparsi dalle mappe della città, dalla memoria degli abitanti e dalla loro vita quotidiana.

Spazi che hanno dimenticato il rumore dei corpi, dei gesti e delle voci.

Luoghi chiusi, inaccessibili, divenuti nel tempo volumi e superfici inospitali, figure invisibili.

Hanno spezzato la storia e la bellezza, l’immaginazione e il paesaggio, ma noi non ci
rassegniamo.

Il cambiamento partirà dalla rigenerazione di questi luoghi, e dalla capacità collettiva di recuperare gli spazi instabili della città, divenuti per molti orizzonti ambigui o violenti.

Il cambiamento avverrà quando i flussi e le diverse identità della città torneranno ad
abitare questi luoghi.

Il cambiamento trasformerà questi spazi in luoghi di scambio e di condivisione, aperti alla rigenerazione degli usi e dei significati, a nuovi linguaggi e relazioni.

Facciamo entrare il futuro della città dentro Sant’Orsola, nel quartiere di San Lorenzo dove viviamo.

Non ne possiamo più di spazi morti.

“C'è una vita da vivere, ci sono delle biciclette da inforcare, marciapiedi da passeggiare e
tramonti da godere" (Cesare Pavese).

TUTTA LA CITTÀ NE PARLA
StOrsolaperta farà vibrare l’aria della città.

Apriamo Sant’Orsola per usi temporanei e transitori
Cerchiamo, segni e materiali, parole e suoni per parlare di città
Abbiamo bisogno di tutti i linguaggi per creare un ritmo nuovo
St’O aperta aspetta idee e contributi

Inviate le vostre proposte per i mesi di Giugno, Luglio e Settembre 2014 a:



mercoledì 21 maggio 2014

il Caso Sant'Orsola in Palazzo Medici-Riccardi

Evento promosso e organizzato dalle associazioni prime firmatarie della petizione popolare “per promuovere bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo con la collaborazione dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze. 



Firenze, Giovedì 22 maggio 2014

Incontro tecnico

 “ASPETTI URBANISTICI E STRUTTURALI NELLA TRASFORMAZIONE 
FUNZIONALE DI UN EDIFICIO MONUMENTALE. 
IL CASO SANT'ORSOLA 



Sessione “Educational":   Sala Pistelli - Palazzo Medici-Riccardi - via Cavour, 1

10.00 Ing. Massimo PERINI - Introduzione e moderazione

10.20 Prof. Arch. Goffredo SERRINI - Verso il presente di Sant'Orsola: un breve racconto, un'invettiva cortese

10.40 Prof. arch. Manlio MARCHETTA - Riuso di S. Orsola valutato nel contesto urbanistico e
alla luce della sua inconsistenza dovuta agli interventi edilizi effettuati nel tempo

11.00 Prof. Ing. Sandro CHIOSTRINI - Studi e prove in situ per la determinazione delle caratteristiche di resistenza delle murature eseguite dalla facoltà di ingegneria

11.20 Ing. Simone STACCIOLI - Cronistoria degli avvenimenti connessi con l'intervento di trasformazione funzionale dell'edificio di S. Orsola che videro parte attiva il Provveditorato alle Opere Pubbliche della Toscana

11.40 Arch. Vincenzo VACCARO - Delegato della Soprintendenza per i Beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici pr le Province, Firenze, Pistoia e Prato

11.40 ASSESSORE AL PATRIMONIO DELLA PROVINCIA DI FIRENZE Arch. Stefano GIORGETTI - Intervento conclusivo

12.20 Prof.ssa Arch. Rita MICARELLI, Prof. Arch. Giorgio PIZZIOLO - Presentazione della passeggiata urbana progettante

12.40 DOMANDE DEI PARTECIPANTI - Riflessioni sulla finalità della giornata: conoscenza attiva per un approccio progettuale e sperimentale

Sessione visita   raduno in Via Sant’Orsola

14.00 Dott.ssa Valeria d'Aquino – Illustrazione degli scavi archeologici

14.30 Prof. Arch. Roberto BUDINI GATTAI con Prof. Arch. Giorgio PIZZIOLO e Prof.ssa Arch. Rita MICARELLI - Nel corso della visita commenteranno le trasformazioni eseguite sull'edificio per riflettere sui lineamenti necessari ad ottenere interventi rispettosi delle caratteristiche dell'edificio, delle norme e dei vincoli presenti - Una passeggiata urbana progettante (Prof.ssa MICARELLI) - un Ufo nel centro di Firenze (Prof. PIZZIOLO)


16.00 Saluti

lunedì 19 maggio 2014

Conferenza stampa: UNA GIORNATA DI STUDI SUL CASO SANT’ORSOLA

 -  OGGI -  


CONVOCAZIONE CONFERENZA STAMPA:
UNA GIORNATA DI STUDI SUL CASO SANT’ORSOLA 
20 maggio, ore 11.30, Sala Capitolare, Basilica di San Lorenzo, P.zza San Lorenzo 9, Firenze.

Martedì 20 maggio, 
presso la Sala Capitolare della Basilica di San Lorenzo, P.zza San Lorenzo, 9, 
alle ore 11.30, 
si terrà la conferenza stampa di presentazione dell’incontro di Giovedì 22 intitolato 

Aspetti urbanistici e strutturali nella trasformazione funzionale 
di un edificio monumentale.
Il caso Sant’Orsola

promosso e organizzato dalle associazioni prime firmatarie della petizione popolare “per promuovere bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo”
con la collaborazione dell’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze.


venerdì 16 maggio 2014

Foto report per salotti esperienziali

Sant'Orsola aperta vive.
grazie a tutti 
In questi giorni pionieri e visionari si avventurano tra le rovine di archeologia urbana di una fantascienza soft tutta da scrivere.
Ci diamo appuntamento in un salotto esperienziale che continua fuori dai confini di questo centro emblematico di una nuova relazione tra cittadini e spazi dismessi da recuperare.

Si prospettano nuovi eventi e tutti sono invitati a proporne.

Si tratta di valorizzare il luogo in forma tangibile oltre l'evento.
Allestire network e verificare le consapevoli diramazioni pratiche.
Agire informalmente per costruire relazioni collaborative.

Guarda alcuni sprazzi:    foto report  in progress su Flickr   


stay tuned

lunedì 12 maggio 2014

Via Panicale, arriva la nuova porta!


Una nuova porta sull'al di là?
Si annuncia in Via Panicale. 
Possibile?



Cosa vedete? Uomini al lavoro.
Sì, ma lavorano in un posto speciale. 
Sant'Orsola è un luogo davvero speciale. Un luogo dove anche l'apertura di una porta è un fatto importante. Ancora più importante se fosse messo in atto da cittadini che si prendono cura del bene comune. 
Realizzazione di sussidiarietà. 

Non corriamo. Potrebbe essere così. 
Ma non lo è. 
Non siamo né a Bologna,

né siamo in Spagna, a Covarrubias (Burgos) ... dove è atteso un festival di autocostruzione:

Siamo a Firenze, in attesa di elezioni comunali, europee e di Consiglio di Quartiere. Potrebbero succedere tante cose e infatti molte se ne vedono. 
Insomma la novità diffusa non manca. Eventi un po' dappertutto: kermesse per l'Europa, festival itineranti, mercati e comizi, coreografie di marketing. 

Tra il 14 e il 17 maggio Sant'Orsola vedrà un apertura al pubblico con eventi, performance e materiali multimediali su lavoro e formazione. Qui il programma.

anteprima per la stampa: 
Mercoledì 14 maggio 
ore 12.30, all’interno di Sant’Orsola.


E' sicuramente una bella notizia. In occasione  dei 4 giorni di apertura sarà allestito un ingresso in Via Panicale più decoroso di quello attuale.



In una via che se non la conoscete siete invitati a percorrerla, l'apertura di un nuovo ingresso potrebbe divenire simbolo di una nuova stagione. 
Una stagione nella quale chi abita nel quartiere potrebbe sentirsi direttamente coinvolto nel mettere in atto azioni di valorizzazione, piccoli gesti di manutenzione. 

Attività di gruppo potrebbero divenire laboratori di apprendimento informale. Potrebbero essere implementati servizi, laboratori e altro. Questi servizi potrebbero essere tra loro complementari. 
Ma soprattutto ogni attività potrebbe essere considerata opportunità di impresa; ogni piccola impresa potrebbe dare lavoro. Lavoro nuovo. Lavoro diverso. 

Forse sto sognando un mondo che esiste solo nella mia testa. Un mondo dove chi vuole avviare un'impresa a impatto sociale trova subito chi scrive business plan per il no profit. E chi vuole lavorare e crescere trova subito chi crede nel progetto e e chi promuove attività che valorizzano il bene della collettività.
Eppure alcune di queste cose esistono. Anche qui da noi 

In Oltrarno un coraggiosa start-up di nome Lofoio, animata dall'infaticabile Mattia Sullini, mostra determinazione nel generare una specie di formula perfetta per le nuove imprese di ciò che ci piace chiamare ancora con il nome di transition town  (vedi wiki in italiano e blog)
A metà tra l'autarchia e il co-working, Lofoio nasce nell'ambito del FabLab e dell'Impact Hub di Firenze.
A prima vista, seguiti a distanza, questo genere di laboratori sembra corrispondere alla formula 'fare di tutto, in gruppo e a basso costo'.

Fanno marketing e storytelling senza darsi troppe arie; il low-cost è fatto così: fai quello in cui credi per andare avanti insieme ad estendere il network. Poi chi c'è  e cosa accade sarà tracciabile nella narrazione dei social network. La sostanza emerge per quello che è. 
La valorizzazione costante sembra essere connaturata al progetto proprio dall'elemento di intelligenza connettiva espresso dalla narrazione. 
Lo storytelling alla portata di tutti fa emergere i risultati ed è pure molto candido nel mostrare i lati da perfezionare, le nuove mete, gli skill da approfondire.

Insomma raccontiamoci qualcosa di più di cosa accade intorno a noi. 
Potremmo capire meglio cosa vogliamo qui ed ora.
Lavorare è vivere per migliorare la vita.
Nel tuo quartiere come nella tua città.