martedì 13 dicembre 2016

COMUNICATO STAMPA 13.12.2016

Firenze, la valorizzazione dell’ex Convento di Sant’Orsola come modello per la rigenerazione partecipata dei ‘vuoti urbani’. Le associazioni promotrici della petizione “per bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo” seguono con interesse il dibattito in corso sulle azioni strategiche del Comune e della Città Metropolitana di Firenze per la rigenerazione del tessuto urbano e candidano Emanuele Salerno a componente del Comitato di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.

Firenze, 10 dicembre 2016 – Santorsolaproject con le associazioni promotrici della petizione “per bellezza e legalità al Mercato Centrale e a San Lorenzo” e del forum su “riqualificazione urbanistica partecipata, obiettivo Sant’Orsola” invitano Dario Nardella, in qualità di Sindaco della Città Metropolitana e del Comune di Firenze, a nominare Emanuele Salerno, ricercatore universitario e promotore di iniziative per la rigenerazione urbanistica partecipata, quale componente del Comitato di Indirizzo della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze.
Apprezzando il dibattito in corso in questi giorni sulla rinnovata necessità di collaborazione tra mondo della politica e della cultura, delle imprese e dell'associazionismo, la rete di associazioni attiva dal giugno del 2013 ha candidato il ricercatore fiorentino Emanuele Salerno a rappresentare le potenzialità del volontariato e dell’impegno civile all’interno della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze. A Salerno le associazioni affidano il mandato di garantire un’attenzione prioritaria all’ascolto, alla tutela e all’attivazione di reti di inclusione culturale e sociale per lo sviluppo del tessuto socio-economico della Città Metropolitana e di promuovere efficaci strategie partecipative e di trasparenza nei presenti e futuri processi di rigenerazione di ‘vuoti urbani’ in spazi complessi, a partire da quelli storici al centro dell’area tutelata e dichiarata come patrimonio mondiale dall’UNESCO.  
Le associazioni da anni considerano la riqualificazione dell’ex Convento di Sant’Orsola e delle strade e spazi adiacenti che caratterizzano il rione di San Lorenzo, al centro delle direttrici che connettono Stazione SMN, Fortezza da Basso, Piazza San Marco e Piazza Duomo, un’opera pubblica strategica da sostenere strutturalmente anche attraverso modelli di investimento in partenariato pubblico-privato, alla pari degli interventi per il potenziamento della tramvia, dell’aeroporto e del polo fieristico della Fortezza da Basso, per rafforzare la struttura produttiva della città, nei settori della cultura, del turismo, commercio, artigianato e dei grandi eventi congressuali.
Emanuele Salerno, dottore di ricerca in “Storia e sociologia della modernità”, specializzato in storia della cultura giuspolitica del ceto dirigente toscano del primo Settecento, ha attivato una rete di soggetti del Terzo Settore per l’inclusione culturale e sociale e la promozione dello sviluppo socio-economico locale, fondando e coordinando dal 2013 il gruppo di studio “Santorsolaproject” per l’applicazione del processo integrato di economia circolare dell’investimento sull’ex Convento di Sant’Orsola a Firenze.
Per ulteriori informazioni i giornalisti sono pregati di contattare Anna Grande al 328 599 2985.

Parrocchia di San Lorenzo
Istituto Lorenzo de’ Medici
Santorsolaproject
Associazione Marionda Artisti per Firenze
Comunità Cattolica Filippina a Firenze
Associazione Comunità Peruviana a Firenze
Associazione Bangladesh Firenze